Il Bagnoturco

Se la temperatura raggiunta all’interno della sauna ti risulta fastidiosa perché troppo elevata, puoi provare il bagnoturco;
un trattamento benessere che offre quasi gli stessi benefici della sauna, ma viene praticato in un ambiente meno caldo e meno secco. La sudorazione del corpo in questo caso è meno intensa, ma il tempo di permanenza nella stanza è più lungo, così che alla fine del trattamento si può arrivare ad espellere una quantità di liquidi anche superiore.

Relax, benessere e socialità

Il bagnoturco o hammam veniva praticato da romani ed arabi in un ambiente riscaldato con all’interno alcune piscine d’acqua a diversa temperatura, dove era possibile pulire e purificare l’organismo, nuotare, rilassarsi e fare massaggi, ma anche ritrovarsi e socializzare. Il bagnoturco di moderna concezione viene invece praticato all’interno di una stanza riscaldata, con una temperatura variabile tra i 40 e 60 gradi, dove l’umidità del 100% crea una nebbia di vapore stratificata in vari livelli. Fare un bagnoturco è un’operazione semplice: dopo una permanenza di circa 15 minuti nella stanza satura di vapore acqueo, si pratica una doccia fredda o ci si immerge in una vasca riempita di acqua fredda, per poi ricominciare da capo la sequenza. L’ultima fase del trattamento comprende solitamente un massaggio.

I benefici del trattamento

Come la sauna, anche il bagnoturco ha molteplici effetti benefici sull’organismo umano: la sudorazione favorisce la respirazione della pelle e la purificazione dalle tossine, e migliora la respirazione, alleviando gli sgradevoli sintomi di eventuali raffreddori. Il calore ha poi un effetto rilassante ed antistress, sia sul corpo che sulla mente e favorisce il riposo notturno. Il bagnoturco offre infine benefici anche a livello estetico, dato che rende la pelle più pulita, luminosa e morbida al tatto. Per rendere i risultati ancora più visibili e duraturi, è consigliabile massaggiarsi con un guanto di crine sotto la doccia, per asportare tutte le cellule morte.